Progetti

Kirov – Russia – 2017, 2018

Kirov 2017.

Nel 2017, i volontari membri delle Associazioni che fanno capo al NAPV (North Apennines Po Valley Park) e all’Associazione Linea Gustav hanno partecipato alle operazioni di mappatura delle fosse comuni rinvenute in Russia nella regione di Kirov e al successivo recupero dei caduti che vi giacciono. La partecipazione agli scavi è frutto di un incontro preliminare tenutosi a Kirov nel mese di Dicembre 2016, nel corso del quale i Referenti locali e le Autorità Russe, hanno valutato attentamente l’operato e le competenze delle varie Associazioni che coi propri Volontari si sono rese disponibili a fornire all’operazione tutto il supporto possibile fino al termine dei lavori.

Nel Giugno 2017, in accordo con l’Associazione russa “Memoriali Militari”, personale del Commissariato Generale del Ministero della Difesa Italiano ha effettuato una seconda ricognizione dell’area di rinvenimento della sepoltura collettiva di Shikhovo. A conclusione della riunione con le autorità russe è stata decisa la prosecuzione dei lavori di ricerca e localizzazione di tutti i Resti sepolti nell’area, che saranno organizzati e svolti, su delega delle autorità locali di Kirov,dalla Volksbund Deutsche Kriegsgraberfursorge (VDK), associazione delegata dal Governo Tedesco per la realizzazione dell’Accordo fra il Governo della Federazione Russa e quello della Repubblica Federale di Germania sulla manutenzione delle tombe militari tedesche in Russia, con l’impiego di proprio personale specializzato ed esperto e prevedendo anche il contributo del personale delle competenti organizzazioni delle nazioni partecipanti.

Le operazioni 2017 sono state in parte coordinate dall’Organizzazione Pubblica Volontaria Giovanile Ricognitori di Kirov “DOLG” che ha il mandato delle Autorità Russe. L’attività si é protratta per l’intera estate con l’avvvicendamento di tre squadre, gli scavi sono stati condotti con metodo archeologico. Nel corso della missione sono stati localizzati i Resti di circa 300 Caduti. Sono stati rinvenuti vari materiali ed oggetti, anche di tipologia e fattura italiana, tutti in cattivo stato di conservazione. La vicinanza di alcuni oggetti di fattura italiana ai Resti mineralizzati di una decina di Caduti confermerebbe la loro appartenenza alle Forze Armate italiane.

Le operazioni 2018 sono state effettuat nel mese di luglio e hanno visto la partecipazione di una nostra squadra di volontari (provenienti dall’Italia ed appartenenti al gruppo associazioni NAPV di cui è capofila Gotica Toscana e Associazione Linea Gustav) in sostegno ai volontari russi e tedeschi. Dopo oltre un anno di attività (logicamente interrotta durante i mesi invernali) si sono conclusi i rinvenimenti dei resti mineralizzati dei Caduti. I lavori sono stati organizzati e svolti, su delega delle autorità locali di Kirov, dalla Volksbund Deutsche Kriegsgraberfursorge (VDK). Sono stati recuperati circa 1600 Caduti, nella maggior parte dei casi senza concreta possibilità di individuare la loro nazionalità. Questa missione si è conclusa il 29 luglio.

Per altre informazioni visita la sezione dedicata sul sito del NAPV.

Dal sito del Ministero della Difesa

Caduti italiani in Russia (aggiornamento al 28 giugno 2017)

Caduti italiani in Russia (aggiornamento all’ 8 agosto 2018)

Il North Apennines Po Valley Park

Il Parco nasce da un’idea congiunta di alcuni Enti e Associazioni che si occupano in modo serio e senza fini di lucro della conservazione della Memoria Storica degli eventi dell’ultimo conflitto mondiale. In particolare, la nostra associazione, l’Associazione Winter Line di Pianoro ( BO ) e Museo della Seconda Guerra Mondiale del fiume Po di Felonica ( MN ), i Comuni di Scarperia e San Piero, Pianoro e Felonica. Al progetto aderiscono poi il Museo Memoriale della Libertà di Bologna e singole persone.
Nel 2016 un nuovo importante tassello entra a far parte del circuito NAPV: il Museo ROVER JOE. Si tratta del Museo Rover Joe di Fidenza che raccoglie una collezione unica di strumenti di comunicazione e veicoli radio della 2GM. Per maggiori informazioni visita il sito del NAPV.

Centro di Documentazione e Ricerce Storiche e le postazioni del Passo del Giogo

Nel settembre 1944 l’area del Passo del Giogo, nel Comune di Scarperia e S. Piero (FI), è teatro di una delle Battaglie chiave dello sfondamento della Linea Gotica. L’intervento interessa due
aree del Comune di Scarperia (da gennaio 2014 Comune di Scarperia e San Piero): la prima fa parte della Frazione di Ponzalla, dove l’associazione è intervenuta con il recupero dell’immobile diventato il “Centro Documentazione e Ricerche storiche” e dell’annesso museo. La seconda si trova sul crinale che divide il Mugello dall’Alto Mugello, fra i comuni di Scarperia e Firenzuola nella zona del Passo del Giogo; in quest’area l’intervento ha preso in considerazione beni culturali e paesaggistici prevedendo il loro restauro e valorizzazione.

Gotica Toscana onlus insieme gli altri membri del NAPV, promuove ed organizza mostre, incontri e contatti con veterani e le loro famiglie, archiviazione e diffusione delle testimonianze e attività sul campo. Queste ultime hanno come protagonisti principali i luoghi e le testimonianze paesaggistiche tuttora presenti. Questi elementi sono utilizzati per la progettazione e realizzazione di percorsi tematici, approccio che ha portato all’incremento delle presenze ed un aumento generale dell’interesse per questo settore anche da parte delle istituzioni straniere.

Il Centro di Documentazione e Ricerche Storiche di Gotica Toscana onlus è stato inaugurato il 24 settembre 2011. Il CDRS ospita il Museo della Linea Gotica, la sede dell’associazione, la segreteria dell’HMV Italia ed è affiliate member dell’MVPA  americano. Per maggiori informazioni visita il sito del “Centro Documentazione e Ricerche storiche”.

Dal 2009 abbiamo siglato una Convenzione con la L’Unione Montana dei Comuni del Mugello (ex Comunità Montana del Mugello) per il recupero e la conservazione dei manufatti della Linea Gotica presenti sul territorio.

La nostra Associazione ha individuato alcune importanti postazioni e manufatti, risalenti al secondo conflitto mondiale, di notevole interesse storico, presenti nela nostra area per le quali abbiamo preparato un programma di interventi di recupero e restauro. Trattasi di una prima serie che tiene conto della struttura, della posizione e dell’importanza strategica nonchè della fruibilità da parte del pubblico. Le prime selezionate, su molte decine censite, sono state restaurate e sono accessibili durante la manifestazione “Un Tuffo nella Storia”. Altre sono visibili percorrendo i sentieri della zona.

Catalogo e Banca dati

Con l’aggiornamento del sito la banca dati è momentaneamente of-line, stiamo lavorando all’aggiornamento del catalogo/inventario del CDRS e delle sue esposizioni.

La biblioteca

Gotica Toscana onlus mette a  disposizione dei frequentatori del CDRS una biblioteca di oltre 500  pubblicazioni, il catalogo della biblioteca è disponibile in formato pdf. Della biblioteca del CDRS fanno parte anche le  pubblicazione del “Fondo Renzo Milani”e del “Fondo Vertova”. Nel corso  del 2015 la biblioteca si è arricchita di uleriori volumi donati dalla  “Claude Moore Health Sciences Library” dell’University of Virginia  Health System – Historical Collection & Services. I testi sono  consultabili su richiesta previa prenotazione, utilizzando i consueti contatti.

Jack Lewis

Quando, nel Settembre del 2011,  inaugurammo il CDRS abbiamo avuto la fortuna di avere come ospite Jack  Lewis, un veterano che aveva servito in Italia nel 1944 con l’Esercito  Americano nei reparti medici.

Jack Lewis – CDRS 24 Settembre 2011 - Foto Ilaria Gatti

Jack Lewis – CDRS 24 Settembre 2011 – Foto Ilaria Gatti

Jack ci ha lasciato il 5 di Aprile 2014 e in sua memoria i familiari hanno scritto:

” (.) Jack also honorably served his  country during World War II in the medical corps, beginning in Africa  and then mainly in Italy. He had a unique honor three years ago when he  returned to Florence to tour the area where he had been stationed.  Though nothing more than a coincidence, a new WWII museum was being  dedicated in the town of Scarperia, and Jack had the honor of cutting  the ribbon to open the facility, addressing the delighted crowd in  Italian. (.)”
“(.) Jack ha anche servito onorevolmente il suo Paese  durante la Seconda Guerra Mondiale nei reparti medici, prima in Africa e poi principalmente in Italia. Ha ricevuto una onorificenza molto  particolare tre anni fa quando è tornato a Firenze per una visita nei  luoghi dove aveva prestato servizio. Niente più che una coincidenza,  stava per essere inaugurato un nuovo museo dedicato alla Seconda Guerra  Mondiale nel paese di Scarperia e Jack ebbe l’onore di tagliarne il  nastro rivolgendosi ai presenti in italiano (.)”

 

Orizzonti di Libertà – Percorsi tematici

L’area del Passo del Giogo nel Comune di Scarperia e S. Piero (FI), nel settembre 1944 è teatro di una delle Battaglie chiave dello sfondamento della Linea Gotica. Gotica Toscana onlus ha censito le installazioni belliche ancora rilevabili e provvedendo al recupero e ripristino di quelle funzionali al progetto di itinerari escursionistici di varia durata e difficoltà, compresi quelli accessibili anche a persone con mobilità ridotta. La proposta di Gotica Toscana Onlus interessa i settori della salvaguardia e della gestione del patrimonio naturale e culturale in un’ottica di approccio ecosistemico di pianificazione territoriale.
L’intervento interessa l’area del Comune di Scarperia (dal 2014 Comune di Scarperia e San Piero) che  si trova sul crinale che divide il Mugello dall’Alto Mugello, fra i comuni di Scarperia e Firenzuola nella zona del Passo del Giogo; in quest’area l’intervento ha preso in considerazione beni culturali e paesaggistici prevedendo il loro restauro e valorizzazione. La prima fase ha visto il censimento delle postazioni belliche risalenti alla Seconda Guerra Mondiale con la realizzazione di una banca dati per correlare le informazioni documentali con i rilievi sul terreno. La seconda fase ha individuato le postazioni funzionali alla realizzazione di percorsi escursionistici di varia lunghezza e difficoltà (compresi quelli per persone a mobilità ridotta). La terza fase ha visto la pianificazione degli interventi di ripristino e restauro delle postazioni belliche individuate e il posizionamento di pannelli informativi realizzati in collaborazione con l’Unione Montana dei Comuni del Mugello. L’area è interamente ricompresa nella dorsale appenninica e rappresenta una delle aree ad alta valenza ambientale situata tra le Regioni Toscana ed Emilia Romagna. Il progetto ha fra i suoi obbiettivi anche l’incremento di quel sistema “ecomuseale” costituito da biblioteche private e pubbliche o dagli archivi comunali, parrocchiali, da alcuni piccoli teatri, dai musei naturalistici e quelli che raccontano la cultura e che rappresentano un valore identitario da valorizzare anche attraverso un coinvolgimento della popolazione. Tale progetto prevede il coordinamento e la presentazione sotto forma di percorsi tematici di tutte le attività organizzate dagli enti collegati al “North Apennines Po Valley Park” (NAPV) un parco storico-tematico sulla Seconda Guerra Mondiale dedicato alla conservazione della memoria dell”ultima fase della Campagna d’Italia. Il NAPV offre con la sua rete museale un’interpretazione alternativa del panorama italiano rispetto al tradizionale approccio artistico e gastronomico attraverso l’organizzazione di mostre, manifestazioni come “Un Tuffo nella Storia – Museo a cielo aperto”, raduni di veicoli d’epoca e rievocatori che ripercorrono le strade della Liberazione (La Colonna della Libertà). Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.